La cassa

Dopo aver parlato lo scorso numero del quadrante, viene naturale ora porre l’attenzione sulla cassa, altro elemento di primaria importanza in un orologio, considerando il suo ruolo di “custode” di quei capolavori quali sono i movimenti degli orologi. Una buona cassa, ben realizzata, robusta, saprà mantenere in maniera perfetta per decenni il nostro oggetto dei desideri. Oltre a questo ruolo importantissimo, diciamo pure che la cassa, ovvero la sua estetica, inciderà in maniera considerevole, almeno per un 70%, nella fase di scelta tra un modello e un altro. I materiali e le forme oggi sono tali e tanti che necessiteremmo di metà della nostra rivista per descriverli tutti; mi limiterò a dire che oltre alla classica forma rotonda esistono le forme quadrata, tonneau, rettangolare, ovale, esagonale, ottagonale, a cuscino. Per i materiali si va dall’acciaio alla ceramica, al titanio, a leghe brevettate come lo zalium, alla fibra di carbonio, all’alluminio oltre ai soliti platino, palladio e oro. Recentemente si sono poi aggiunti i trattamenti superficiali come il DLC, ovvero Diamond like Carbon, il Pvd o il Tialn. La cassa è composta usualmente da tre elementi fondamentali: carrure, lunetta e fondello (che può essere a pressione, o a vite, in metallo o di vetro zaffiro). Attualmente nuove possibilità sono offerte da modelli originali e personalizzabili, come il prestigioso Quai de l’Ile di Vacheron Constantin, che scompone la cassa in molteplici elementi per dare ampio spazio alla personalizzazione con scelta tra diversi materiali abbinabili fra loro. Ora veniamo ai soliti consigli, in modo da preservare al meglio la cassa. Evitategli i soliti stress, come urti o immersioni al limite del dato di impermeabilità; non “consumatela” con continue lucidature; se siete pignoli piuttosto evitate di graffiarla, solo i graffi profondi andranno rimossi da personale capace (alcuni ottimi laboratori hanno un tecnico specializzato); a seguito di ammaccature visibili a occhio nudo sottoponetela a un rapido controllo in quanto potrebbe non mantenere le caratteristiche originali di tenuta. Sconsigliamo le personalizzazioni complesse, ovvero complicate e lunghe incisioni spesso invasive, che con il passare del tempo si consumeranno, dando quindi alla cassa un’estetica non gradevole e nel caso di pezzi da collezione ne altereranno il valore, ovviamente a sfavore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Web
Analytics