BaselWorld e SIHH 2007

BaselWorld e SIHH 2007

Eccoci di nuovo qui dopo la pausa forzata, dovuta alla permanenza di ben 10 giorni in Svizzera (ben 8 le persone del nostro gruppo che hanno visitato i due Saloni dell'orologeria, Basilea e Ginevra).

Innumerevoli le novità viste, le persone incontrate, le interviste raccolte, che troveranno spazio sui prossimi numeri de L'Orologio e Chrono World.

Qui, annoterò quelle che più mi hanno colpito.

Comincio con La Tradition Tourbillon di Breguet. Un orologio indiscutibilmente bello, con i due componenti più importanti bene in vista sul quadrante: tourbillon e conoide (ovvero il meccanismo a fuso e catena, che fino ad oggi era stato impiegato solo dalla Lange in un orologio da polso). Le foto non sono ancora disponibili, ma sarà oggetto di una approfondita analisi su uno dei numeri di fine anno de L’Orologio…

Secondo, ma solo in ordine alfabetico, il Duomètre à chronographe di Jaeger-LeCoultre, di cui abbiamo già ampiamente parlato e che dal vivo è ancora più bello! Innovativo il suo impiego della funzione foudroyante come sistema di avvio/arresto della funzioni cronografiche, senza innesto di alcun tipo, quindi, grazie all’impiego di due bariletti e due treni di ruote separati per base tempo e per la cronografia (in foto, il movimento calibro 380).

Infine, al terzo posto (anche in ordine temporale, visto che la sua esposizione fuori Salone l’abbiamo visitata al nostro penultimo giorno di permanenza), metto il Centigraphe di F.P. Journe (in foto): cronografo pensato ed elaborato per essere utilizzato esclusivamente come tachimetro. Rigorosamente meccanico, rilevando i tempi con la risoluzione del centesimo di secondo permette di misurare la velocità dei veicoli più veloci e più lenti sulla crosta terrestre: dal razzo all’uomo (quando si muove a piedi…)

Gli ultimi due modelli sono anche indicativi della tendenza dell’anno: il cronografo. Dopo una piccola battuta d’arresto negli anni del tourbillon (che, comunque, non trova pace… Tutte le Case ormai ne hanno uno a catalogo), torna prepotentemente alla ribalta, con soluzioni nuove sia di tecnica che di design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Web
Analytics