Orologio dell’Anno 2013

Si è chiusa con successo la seconda edizione del premio “Orologio dell’Anno”, assegnato da L’OROLOGIO insieme ai suoi lettori. La formula del nostro tradizionale premio orologiero ha previsto la selezione da parte della nostra redazione di trentasei orologi presentati entro settembre 2013 e suddivisi in dodici sezioni, scelte in base a quelle che sono le maggiori tendenze del mercato: Orologio Complicato, Tecnica, Design, Savoir-Faire, Solotempo, Cronografo, Subacqueo, Tourbillon, Donna, Rapporto Qualità/Prezzo fino a 2.000 euro, da 2.000 a 10.000 e oltre i 10.000 euro. I modelli in lizza non sono stati suggeriti dalle Case, ma scelti liberamente dalla redazione. Altrettanto liberamente i nostri lettori hanno potuto votare i vincitori sul sito orologioblog.net o tramite la scheda pubblicata sulla rivista. Ai vincitori nelle dodici categorie elencate si è aggiunto un premio liberamente assegnato dalla Giuria a un orologio che nell’anno si è distinto per più di un motivo. Quest’anno il Gran Premio della Giuria è andato al Master Grande Tradition Gyrotourbillon 3 Jubilée di Jaeger-LeCoultre. Oltre a possedere delle caratteristiche tecniche fuori dal comune, dal cronografo con minuti digitali istantanei al tourbillon sferico su doppia gabbia, il Gyrotourbillon 3 festeggia anche il 180° anniversario di Jaeger-LeCoultre, celebrato in questo 2013. Per quanto riguarda le preferenze dei nostri lettori, queste sono andate sia a modelli classici e marchi leader del mercato italiano, che a interessanti outsider. Nella categoria Orologio Complicato ha trionfato A. Lange & Söhne con il suo primo orologio à Grande Complication, un pezzo che si pone al vertice della produzione della Casa. Nella Tecnica, categoria vicina a quella dei complicati, ma che prende in considerazione elementi non necessariamente collegati alle complicazioni, ha primeggiato Greubel Forsay con il Double Balancier 35°, orologio che si prefigge di vincere gli scarti di precisione nelle diverse posizioni senza l’impiego del tourbillon. Nel Design i nostri lettori hanno voluto premiare una Casa in continua e costante crescita: Chopard, con il suo L.U.C Engine One H. La categoria Savoir-Faire intende rendere omaggio ai mestieri d’arte dell’orologeria. I nostri lettori l’hanno ben interpretata, assegnando il premio di Orologio dell’Anno a Ulysse Nardin, Casa orologiera che è stata pioniera nella riscoperta dei quadranti in smalto. Con le categorie Solotempo, Cronografo e Subacqueo veniamo a modelli più tradizionali ed economicamente raggiungibili. Qui hanno trionfato tre Case care al mercato italiano: Patek Philippe con il Calatrava 5227, O­mega con il suo Speedmaster “Dark Side of the Moon” e Blancpain con il Fifty Fathoms Bathyscaphe, nuova versione di un classico della modelleria subacquea. Nella sezione Tourbillon il pubblico ha favorito il marchio la cui storia e tradizione è indissolubilmente legata a questa complicazione. Parliamo naturalmente di Breguet. Ma con un modello dalle caratteristiche eccezionali, il Classique Tourbillon Extrapiatto Automatico 5377. Veniamo agli orologi femminili con il Piaget Limelight Gala, o­rologio gioiello dal design a­simmetrico che si qualifica Orologio dell’Anno nella categoria Donna, confermando il savoir-faire della Casa nell’alta gioielleria applicata all’orologio. Infine, le tre categorie riservate al Rapporto Qualità/Prezzo. Qui si affermano il Longines HydroConquest Chronograph, cronografo subacqueo fino a 30 atmosfere proposto a 1.480 euro, nella categoria fino a 2.000 euro. Il Tudor Heritage Advisor, orologio svegliarino di ispirazione vintage proposto a 4.680 euro, si afferma nella fascia da 2.000 a 10.000 euro, confermando l’ottimo lavoro di rinnovamento intrapreso dalla Casa negli ultimi anni. Mentre TAG Heuer sbaraglia gli avversari nella categoria Rapporto Qualità/Prezzo sopra ai 10.000 euro con il Carrera MikroPendulum 1/100 Chronograph, grazie alla sua tecnica innovativa. Un orologio complicato e altamente tecnologico proposto a 29.500 euro. Ai rappresentanti delle Case premiate sarà consegnato un trofeo a ricordo di questo successo il prossimo 14 febbraio, con una cerimonia di premiazione che si terrà nell’ambito di EYTT-Excellence Yesterday Today Tomorrow, manifestazione dedicata alle eccellenze nei diversi ambiti dell’alto artigianato e della produzione haute de gamme. La premiazione avrà luogo durante la serata inaugurale della manifestazione, abbinata a Modenantiquaria-Salone d’Alto Antiquariato, presso Modena Fiere.

Comments

  1. Di L'Orologio

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Translate »
Web
Analytics