Rado Star Prize 2017: il vincitore

Ad aggiudicarsi il Rado Star Prize 2017, rivolto agli studenti delle aree Interior Design, Industrial Design e Fashion Design di Istituto Marangoni, stimolati a indirizzare la propria ricerca progettuale sulle esigenze della società del futuro, è stata la studentessa Mijal Lebe.
Mijal Lebel, studentessa israeliana del Master Surface & Textile del dipartimento di Interior
Design, si è aggiudicata un orologio Rado True Thinline in ceramica hi-tech nera e la possibilità
di collaborare insieme a Giulio Cappellini su un nuovo concept watch per Rado.
Mia ha vinto con il progetto “The Bio Future”: un tessuto “cellulare” in grado di crescere e riprodursi per soddisfare quella che la Lebel ha immaginato essere un’esigenza primaria della società del futuro: la sostenibilità ambientale.
The Bio Future – The Cell Textile è uno dei tre progetti selezionati dalla giuria e protagonisti alla mostra “2117 – The World of Fashion & Design in 100 years”, ospitata nella sede di Via Cerva di Istituto Marangoni in occasione della Design Week di Milano. Oltre a Mijal Lebel, gli altri finalisti internazionali sono Mussakhanova Bibimariyam, per la categoria Best Industrial Design, che ha ideato un elemento d’arredamento capace di modificare la propria forma e la propria funzione, e Giulia Zenucchi, per la categoria Best Fashion Design, che ha immaginato un outfit realizzato con una fibra innovativa capace di reagire alla temperatura corporea e modificare la propria colorazione. Questi tre finalisti competeranno ancora per ottenere la preferenza della giuria popolare, attraverso una votazione online sul sito http://radostarprize.rado.com/italy aperta fino al 30 maggio: lo studente che si aggiudicherà il premio del pubblico vincerà un orologio Rado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Web
Analytics