Arte e orologeria: la novità di Morellato

Si chiama mytime il nuovo orologio Morellato realizzato in collaborazione con l'architetto Gaetano Pesce e presentato in anteprima martedì 22 marzo, a Padova, in occasione del vernissage della mostra antologica “Il tempo Multidisciplinare” dello stesso Pesce. Dalla combinazione tra il suo estro creativo e la visione imprenditoriale innovativa di Massimo Carraro, presidente di Morellato, nasce l’idea di raccontare, attraverso un oggetto reale e tangibile come un orologio, l’inedita concezione del tempo di Gaetano Pesce che racconta che “Il tempo è personale, quello che quando si perde non si ritrova mai più”. L’orologio, in edizione limitata a 100 esemplari numerati, si presenta con un corpo centrale, una cassa tonda, liscia al tatto, a cui si uniscono tre diverse casse che rappresentano la testa di un uomo, di una donna e di un bambino. Ciascun elemento va a comporre e a dar vita all’orologio mytime, realizzato con movimenti sviluppati da Morellato. Inserendo la data di nascita o di un qualsiasi altro evento importante della vita, il quadrante centrale riporta il tempo trascorso dalla data prescelta, fino a un massimo di 90 anni, che viene indicato da una lancetta digitale. Le teste dell’uomo e della donna, che danno forma a casse digitali, riportano il giorno e il mese corrente, funzionando quindi da calendario. Il segnatempo analogico che indica l’orario è racchiuso invece nella cassa più piccola, che assume la forma della testa di un bambino e rappresenta per l’artista il tema del futuro. Il fondello, personalizzato con la firma di Gaetano Pesce, il titolo dell’opera e il logo del brand, riporta la numerazione di ciascun esemplare da 1 a 100. La creatività e l’arte di Gaetano Pesce si ritrovano anche sul cinturino, acceso dai colori cari all’artista come il rosso, il giallo, il verde e il blu, che disegnano la parola tempo in stile pop. La signature dell’architetto è presente anche all’interno del cinturino. La mostra “Il Tempo Multidisciplinare” sarà aperta al pubblico fino al 23 settembre 2018 presso il Palazzo della Ragione di Padova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Web
Analytics