In viaggio con Longines

Lo scorso anno Longines ha presentato la collezione Conquest V.H.P. “Very High Precision”, animata animata da un’innovativa tecnologia basata sul quarzo che si distingue per la massima precisione (± 5 secondi/anno) e per la capacità di resettare le lancette dopo un urto o l’esposizione a un campo magnetico, grazie al sistema DPR (rilevamento della posizione dei ruotismi). A queste interessanti caratteristiche si aggiungono la lunghissima autonomia della pila e il calendario perpetuo.
Ieri, a Roma, è stata presentata ufficialmente la sua nuova evoluzione. Si tratta del Conquest V.H.P. GMT Flash Setting che spinge oltre alla tecnologia V.H.P. a vantaggio di chi ama viaggiare per il mondo. L’orologio, infatti, è dotato di un secondo fuso orario e di un sistema di regolazione dell’ora attraverso la luce, chiamato “Flash Setting”. L’orologio può essere regolato manualmente mediante la corona, oppure attraverso l’innovativa funzione “Flash Setting”. Grazie a questa tecnologia, è possibile regolare l’ora in modo rapido e diretto, senza l’ausilio della corona, con una precisione rigorosa del tempo visualizzato. Il sistema richiede uno smartphone e l’app dedicata, ma nessuna connessione esterna come Wi-Fi o Bluetooth. Le informazioni registrate nell’app sono trasmesse all’orologio mediante le sequenze luminose emesse dal flash del telefono, attraverso una minuscola finestrella del quadrante che si cela nel “12”. Un altro importante vantaggio è la funzione “swap” che permette di passare dalla visualizzazione dell’ora di casa a quella del fuso orario in vigore mediante la semplice pressione della corona, per una maggiore comodità di lettura ovunque ci si trovi sul nostro pianeta.
I modello in acciaio o PVD nero sono disponibili in due dimensioni (41 e 43 mm di diametro) e visualizzano, oltre al secondo fuso orario, le ore, i minuti, i secondi e la data (calendario perpetuo). In ogni modello, le azioni sono semplificate dalla corona intelligente, dal sistema “Flash Setting” e dai due indicatori distinti (E.O.L. ed E.O.E.) che segnalano in anticipo il fine vita della pila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Web
Analytics