Chi vuole provare la Tesla Roadster TAG Heuer?

Il 7 e 8 Aprile scorsi i nostri soci hanno avuto la possibilità di visitare la TAG Heuer. La sede della Casa si trova a La Chaux-de-Fonds, in Svizzera. Appena arrivati, ecco la prima sorpresa: infatti, proprio davanti alla sede del Marchio era parcheggiata in bella vista la Tesla Roadster TAG Heuer, la più potente auto elettrica attualmente sul mercato. Basti pensare che passa da 0 a 100 Km/h in 3,9 secondi. Un attimo di ammirazione e la domanda: “Chi vuole provarla?”. Impossibile tirarsi indietro. E poiché l'interesse per un marchio come TAG Heuer va spesso di pari passo con la passione per i motori, è stato un piacere leggere la felicità sui visi dei nostri ospiti. Scesi dalla Tesla, è giunto il momento di entrare nel mondo TAG. Giorgio Sarne, General Manager del Marchio del marchio, ha accolto i nostri ospiti e ha presentato loro le novità di Basilea. Una prova al polso, un momento di approfondimento per quanto riguarda il nuovo calibro cronografico di manifattura, e via alla scoperta del museo 360°, che ha ci ha introdotto alla storia e all'heritage del marchio, prima di affrontare la parte più faticosa e interessante della nostra visita, ovvero il tour della nuovissima Manifattura TAG Heuer, con i suoi moderni atelier progettati e impiantati poco più di tre anni fa per la produzione e l'assemblaggio del calibro cronografico proprietario 1887 (la TAG Heuer ha acquistato i diritti in esclusiva di un progetto di calibro meccanico automatico Seiko, sul quale ha sviluppato il proprio movimento). La linea di produzione, estremamente automatizzata e innovativa dal punto di vista dei severi controlli di qualità, è costata 20 milioni di franchi svizzeri e impiega 70 persone, tra la fabbricazione delle platine e l'assemblaggio. La produttività si attesta su 6.000 movimenti nel 2010 (primo anno di produzione) e arriverà a 25.000 nel 2011. Nel reparto di assemblaggio di osservano due linee: una per i modelli equipaggiati da movimenti ETA, su grandi volumi, e una, particolarmente sofisticata, per il montaggio del Calibro 1887. La produzione di quest'ultimo calibro, in verità, è dislocata in due stabilimenti: l'assemblaggio di svolge a La Chaux-de-Fonds, mentre la produzione dei componenti e alcune fasi di pre-assemblaggio (come il montaggio dei rubini) ha luogo nello stabilimento della Cortech, azienda di proprietà della TAG Heuer, a Cornol. La visita con il Club ha eccezionalmente compreso anche questa seconda location (finora mostrata solo alla stampa), che nasce come sede per la produzione di casse, non solo per il marchio.

Translate »
Web
Analytics