Gran Premio dell'Orologeria di Ginevra – Zenith vince il premio "orologio sportivo"

03_2062_4057_69_R515

El Primero Stratos Flyback Striking 10th, tributo a Felix Baumgartner, ha vinto il premio della categoria "Orologio Sportivo". La giuria del Gran Premio di Ginevra dell'Orologeria ha premiato il primo orologio in grado di infrangere la barriera del suono ai confini dello spazio. Il Gran Premio di Ginevra dell’orologeria celebra di anno in anno l'eccellenza nel campo dell'orologeria. 15 i premi che sono stati assegnati alle migliori creazioni e agli operatori più importanti nel settore dell'orologeria, 70 i modelli in competizione nelle varie categorie e il modello della Manifattura Zenith ha ricevuto il Gran Premio della giuria per la categoria "Orologio Sportivo" durante la cerimonia di premiazione tenutasi al Grand Théâtre di Ginevra lo scorso venerdì. Fedele al modello Flyback Rainbow sviluppato per l'aeronautica francese nel 1997, lo Stratos è dotato del prestigioso movimento cronografico automatico El Primero, e delle funzioni Flyback e Striking 10th che hanno reso questo orologio il partner ideale dell'exploit dell’Ambasciatore di Zenith Felix Baumgartner. Nel corso della missione Red Bull Stratos attraverso la stratosfera, l’orologio Zenith si è confrontato con le condizioni più estreme in termini di temperatura, pressione, velocità, attrito, urti, ecc. La Manifattura Zenith è stata la prima a vedere uno dei suoi orologi infrangere la barriera del suono ai confini dello spazio. Il CEO di Zenith, Jean-Frédéric Dufour, ha illustrato le ragioni che lo hanno portato a sostenere questo progetto: "Siamo stati spesso in prima linea nei regni inesplorati e abbiamo accompagnato i progetti più folli. Questa capacità di suggerire nuove idee e credere nel raggiungimento di nuovi sviluppi tecnici che è davvero affascinante in Zenith. I nostri orologi hanno preso parte ad alcune delle più grandi avventure dell'umanità accompagnando esploratori come Roald Amundsen per la sua scoperta dei poli nord e sud, il Mahatma Gandhi nella sua lotta pacifica per l'indipendenza dell'India, il Principe Alberto di Monaco nel suo impegno per l'ecologia; Louis Blériot nella sua traversata del canale, l'intrepido colonnello John Blashford-Snell nelle sue numerose spedizioni, tra cui quella per il Nepal, e naturalmente, la missione Pole2Pole di Johan Ernst Nilson. Felix Baumgartner è fatto della stessa pasta di questi pionieri e siamo molto orgogliosi di averlo accompagnato con El Primero Stratos Flyback Striking 10th durante questo percorso". Come promemoria, dopo aver volato ad un'altezza di 39.045 metri (128.100 piedi) in un pallone ad elio, Felix Baumgartner ha segnato un nuovo record di salto ai confini dello spazio, esattamente 65 anni dopo Chuck Yeager che l’aveva infranto con un aereo a razzo sperimentale. Il 43enne, esperto di paracadutismo austriaco ha infranto anche altri due record del mondo (la più alta caduta libera, il più alto volo in mongolfiera), lasciando quello per la caduta libera più lunga al progetto mentore Col. Joe Kittinger. Baumgartner è atterrato con il suo paracadute nel deserto del New Mexico dopo essere saltato fuori dalla sua capsula spaziale a 39.045 metri e lanciato verso terra, raggiungendo una velocità di 1,342.8 km / h sino all’arrivo nell’atmosfera. Il salto di Baumgartner è durato in totale 9:03 minuti. Milioni e milioni di persone in tutto il mondo l’hanno guardato in diretta su trasmissioni televisive e streaming su Internet. Baumgartner e il suo team hanno trascorso cinque anni di formazione e di preparazione per la missione che è stato progettata per migliorare la nostra comprensione scientifica di come il corpo riesce a far fronte in condizioni estreme ai confini dello spazio.

El_Primero_Stratos_Flyback_DP

Felix_N006019 Lunette_El_Primero_Stratos_Flyback_close-up_cat Felix Baumgartner (AUT) - Lifestyle STRATOS_back_F

 

Translate »
Web
Analytics