Vacheron Constantin Fiftysix Calendario Completo

Vacheron Constantin FiftySix Calendario Compelto

Presentata nel 2018 a Londra nei leggendari studi di registrazione di Abbey Road accompagnati dalla musica di Benjamin Clementine, la collezione Fiftysix mescola con audacia epoche diverse. La silhouette, rétro e contemporanea al tempo stesso, si ispira a un modello iconico del 1956, rivelando la propria natura attraverso le differenti tonalità dei quadranti.  Questo orologio quindi nel evoca un modello iconico presentato nel 1956, ossia la referenza 6073. Il segnatempo attinge alla ricchezza espressiva che all’epoca caratterizzava il design di Vacheron Constantin e si distingue per le sue forme, in particolare per le anse, che rappresentano ciascuna un braccio della croce di Malta, simbolo della Manifattura. L’originalità della referenza 6073 e di tutti i modelli creati da Vacheron Constantin negli anni ’50 risiede anche nel contrasto tra il classicismo del quadrante e l’audacia della cassa. L’importanza della referenza 6073 nella storia di Vacheron Constantin è dovuta anche al fatto di essere stato uno dei primi orologi della Manifattura dotato di un movimento a carica automatica. Inoltre, la cassa del 6073 vantava una struttura impermeabile (con fondello a più lati). C’è una grande affinità, nell’ispirazione e nella sostanza, tra il modello 6073 presentato nel 1956 e il Fiftysix di oggi. L’esempio più eclatante di questo legame di continuità è senza dubbio il riferimento alla croce di Malta, ispirata alla forma di un componente precedentemente utilizzato nei movimenti meccanici. Un altro legame con il passato è rappresentato dalla caratteristica forma del vetro, che sporge molto al di sopra della lunetta. In passato era in plexiglas o in vetro minerale, oggi è in vetro zaffiro. Per celebrare la referenza 6073 e per offrire anche praticità, tutti i modelli della collezione Fiftysix, compresi quelli complicati, sono dotati di movimento a carica automatica, con un nuovo calibro per la versione tre sfere. Il fondello trasparente permette di ammirare le finiture del movimento – Côtes de Genève, perlage, molatura a spirale – e la nuova massa oscillante progettata da Vacheron Constantin per questa collezione. Il rotore scheletrato in oro a 22 carati, lucidato, satinato, con croce di Malta applicata e finitura sabbiata a spirale rappresenta la firma di tutti i modelli Fiftysix. Una delle caratteristiche distintive della collezione è il quadrante a settori. Mentre la minuteria, punteggiata da numeri arabi alternati a indici delle ore a bastone, si rifà agli anni ’50, la presenza di due delicate tonalità ottenute mediante un gioco di finiture aggiunge una nota di eleganza e raffinatezza. Il gioco di luci sul quadrante, infine, conferisce profondità e personalità ai segnatempo. In foto ecco il Fiftysix calendario completo con quadrante argenté, che è anche il modello di punta della collezione. Le indicazioni del giorno della settimana, della data, del mese e delle fasi lunari sono garantite dal movimento a carica automatica, il calibro 2460 QCL/1, dotato di massa oscillante scheletrata in oro 22 carati, decorata con l’emblema della croce di Malta. La sua costruzione e l’estrema precisione prevedono la regolazione della funzione delle fasi lunari solo ogni 122 anni (rispetto ai 3 anni delle versioni standard). Il caratteristico quadrante è impreziosito da due finestrelle rettangolari a ore 12, che indicano rispettivamente il mese e il giorno della settimana, la data è indicata mediante una lancetta in oro al centro e il disco lunare a ore 6 rappresenta il cielo di colore blu notte con le lune in oro. La cassa da 40 mm è disponibile in acciaio o in oro rosa. Il cinturino in alligatore è con fibbia déployante in acciaio o fibbia ad ardiglione in oro rosa, a seconda del modello.

Translate »
Web
Analytics