Rolex e la cerimonia degli Oscar

Che si tratti di realizzare un segnatempo rivoluzionario o un film da premio Oscar, l’obiettivo di una Casa orologiera come Rolex e di un grande regista è lo stesso: dare vita a un’opera che lasci il segno, opere in grado di restare attuali e di superare la prova del tempo. È questo il tema scelto per il film che è stato proiettato quest’anno durante la cerimonia degli Oscar: un’ode ai visionari e agli artigiani del mondo cinematografico che illustra le affinità tra le due discipline. Gli Academy Awards o cerimonia degli Oscar, l’evento annuale organizzato dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences per celebrare il meglio del cinema, puntano ogni anno i riflettori sullo straordinario talento che si cela dietro i film. Registi, attori, tecnici, ingegneri e talenti di numerosi altri mestieri del cinema si spingono oltre i limiti per creare un equilibrio perfetto tra arte e scienza, lo stesso connubio che occorre per dar vita agli orologi Rolex. Ciascuno di questi talenti ha un compito ben preciso all’interno di un complesso meccanismo che consente di portare un’idea visionaria sul grande schermo. Quest’anno la cerimonia degli Oscar si è svolta nell’edificio storico della Union Station di Los Angeles. Rolex è Orologio Esclusivo dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences e Proud Sponsor of the Oscars dal 2017, ma il suo legame e la sua affinità con il mondo del cinema nasce molto prima; si tratta di un legame indissolubile, forgiatosi grazie a segnatempo rivoluzionari divenuti icone. Quando Marlon Brando interpretò il colonnello Kurtz nel mitico “Apocalypse Now” di Coppola, indossava un Rolex. Ne “Il colore dei soldi”, Paul Newman ne sfoggiava uno nelle vesti dell’abile giocatore di biliardo Edward Felson, detto Eddy lo svelto. In Titanic, Bill Paxton, nel ruolo del cacciatore di tesori Brock Lovett, ne indossava uno mentre si immergeva alla ricerca del leggendario relitto a bordo di un sommergibile. L’apparizione di questi orologi non fu il risultato di un’operazione di product placement: i segnatempo furono infatti una scelta personale dei registi. Oltre a essere Orologio Esclusivo dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences e Proud Sponsor of the Oscars dal 2017, dall’anno successivo Rolex è diventata sponsor dei Governors Awards, che celebrano una vita di successi nel cinema. Dal 2016 la Casa allestisce anche la Greenroom (visibile in foto), dove i presentatori e gli ospiti si intrattengono insieme prima di salire sul palco degli Oscar. Il tema e la scenografia cambiano ogni anno. Inoltre, Rolex è Founding Supporter dell’Academy Museum of Motion Pictures che aprirà a Los Angeles nel 2021. Progettato dall’architetto vincitore del Premio Pritzker Renzo Piano, il museo e centro per cinefili avrà una superficie espositiva di circa 4.650 metri quadri e un cinema con 1.000 posti a sedere, oltre ad altre strutture. Destinato a diventare il museo più grande degli Stati Uniti e più importante al mondo dedicato al grande schermo, aiuterà i visitatori a comprendere l’arte e la scienza che stanno dietro alla magia del cinema. Un’intera galleria sarà dedicata a Rolex e celebrerà la storia dei film in cui è apparso il Marchio. Attraverso il museo, Rolex aspira a preservare la storia del cinema e a promuovere la trasmissione delle conoscenze alle nuove generazioni.

Translate »
Web
Analytics