L'orologio al mare

Ogni anno è bene andare a ripassare cosa si può e non si può fare in estate con il proprio orologio, in base al suo dato di impermeabilità. Per prima cosa, non fidatevi troppo della vostra memoria, ma andate a controllare il valore riportato sul fondello dell'orologio: dalla semplice scritta “water resistant” all’indicazione in metri (30, 50, 100, etc.) o in atmosfere (3, 5, 10, etc.). A ogni dato corrisponde la capacità dell’orologio di resistere alle infiltrazioni d’acqua in condizioni statiche, cioè fermo in immersione alla corrispondente pressione, uniforme, riprodotta in laboratorio.

Quando però l’orologio è in movimento, cioè in tutte le condizioni normali di utilizzo, la pressione di liquido a cui è sottoposto può essere anche notevolmente superiore a quella generata dalla semplice profondità di immersione. Bisogna considerare, infatti, che nel caso di esposizione a getti d’acqua, come sotto la doccia o al rubinetto del lavandino, la pressione puntuale sulle diverse superfici della cassa può variare e non sarà uniforme come quella in immersione statica. Potrebbe accadere, quindi, di avere in alcuni punti una pressione di acqua superiore a quella sopportata dall’orologio in laboratorio.

Inoltre, ricordiamo che la cassa dell’orologio è composta da diversi elementi assemblati fra loro, con l’interposizione di guarnizioni in materiali che vanno dal metallo alla gomma. Con il variare della temperatura, tutti i materiali si dilatano con coefficienti diversi, soprattutto in caso di sbalzi di temperatura improvvisi (il classico tuffo nell’acqua gelata dopo essere stati al sole) e potrebbero non resistere più al dato di impermeabilità garantito, causando infiltrazioni di acqua all'interno della cassa.

Anche se il costruttore verifica la resistenza dell’orologio in tutte le situazioni più stressanti, ricordiamo che i test sono eseguiti su orologi nuovi. Quindi, fondamentale è la revisione periodica delle guarnizioni e della tenuta di cassa, corona ed eventuali pulsanti, soprattutto prima delle vacanze al mare.


Dody Giussani

Translate »
Web
Analytics