Cuervo y Sobrinos – Orologi Pirata: modello Barbanera

Dal suo lancio nel 2008, il Pirata di Cuervo y Sobrinos si è caratterizzato per la particolarità della cassa modulare, composta da elementi realizzati in più metalli, ha fortemente caratterizzato questo orologio. Quest'anno l'omaggio del marchio cubano alla figura del pirata (evidente il legame tra l'origine della Casa e i leggendari filibustieri dei mari) va a “scomodare” nientemeno che uno dei pirati più famosi, il terribile Barbanera, soprannome dell'inglese Edward Teach, che ebbe il controllo del mar dei Caraibi durante un breve periodo del '700, nell'epoca d'oro della pirateria.

Il Pirata Barbanera a firma Cuervo y Sobrinos, dunque, si impone con i suoi 45 millimetri di cassa dal look all black (ad eccezione degli anelli in titanio che vanno a inserirsi sulla carrure dal lato quadrante e dal lato fondello andando ad abbracciare il gruppo pulsanti/corona): le varie parti, in bronzo, acciaio e titanio, sono infatti tutte lavorate con un rivestimento DLC (Diamond like Carbon), che ne aumenta resistenza e durezza, oltre a esaltarne l'aspetto aggressivo e virile. Chiaro riferimento al mondo navale, la corona di carica e le anse presentano dettagli ripresi dalla bocca dei cannoni dei velieri.

Affollate le indicazioni sul quadrante nero: al 12 sono posizionati i minuti crono con al centro le finestrelle del giorno della settimana e del mese; al 6 le ore crono con le fasi lunari; al 9 i secondi continui. Il datario a lancette è invece affisso sul rehaut. Il movimento è un calibro automatico ETA-Valjoux 7751.

Translate »
Web
Analytics